Manfredi, Mario (a cura)
 

VARIAZIONI SULLA CURA

Fondamenti, valori, pratiche

 

Italia, Guerini, 2009

 

 

Da tempo, ormai, il tema della cura supera i limiti tradizionali, che sembravano contenerla entro il campo della terapia – fisica e psichica – oppure la legavano a una cultura di genere (una «missione» femminile): attività clinica e pratiche parentali o qualcosa che ne rappresentava lo sviluppo. Tutto ciò non viene negato, ma trasceso, e trova espressione, tra l'altro, nel fatto che la cura appare ora irriducibile al suo valore individuale e privato, e s'intreccia con il pubblico e con il politico, con i diritti e con la giustizia. L'atteggiamento del farsi carico di persone, cose e attività conosce, nello stesso tempo, un'estensione dell'oggetto (si pensi alla natura e all'ambiente nell'età della crisi ecologica, ai migranti nella società multiculturale) e un'elaborazione metodologica (si pensi allo statuto delle «professioni di aiuto»). Acquista un senso nuovo, allora il significato heideggeriano della cura – come il più estensivo – in quanto modo d'essere fondamentale dell'uomo: aver cura degli altri e prendersi cura delle cose.

In questo contributo a più voci,  s'indagano ragioni e aspetti del  ramificato percorso che la cura ha intrapreso: alcuni modelli forti del «pensiero della cura», le questioni di fondamento e i loro risvolti ideologici, le implicazioni etiche (valori, responsabilità, diritti), la dimensione pedagogica, i metodi e le competenze per le pratiche di cura nella loro cornice istituzionale. Contestualmente, si segnala il rovescio della cura, il suo «negativo»: il pericolo che essa diventi strumento biopolitico di controllo dei corpi e delle vite, il possibile esonero del soggetto dalla gestione di se stesso e il suo affidamento a tecnici specializzati, la formazione e legittimazione di questi ultimi, nonché il loro rischio professionale (burnout) e, infine, lo stesso venir meno della cura nella società dei produttori e dei consumatori, la progressiva e insidiosa crescita di un'indifferenza postmoderna, che finirebbe con il vanificare l'ethos e la passione della cura.

 

 INDICE

Mario Manfredi, Prefazione

 

ETICITÀ DELLA CURA

Luisella Battaglia, Percorsi della cura

Maria Antonietta La Torre, La cura tra etica e diritto

Mario Manfredi, Elementi di riconoscimento nelle relazioni di cura

 

MEDICINA DELL’ANIMA

Mariannina Failla, V. von Weizsäcker: le vie della medicina

Ottavio Marzocco, La cura di sé in Foucault

Domenica Discipio, Curare l’anima. Sulla psicoterapia di James Hillmann

Angela Balzotti, Gioco e malattia mentale

 

PRATICHE DI AIUTO

Angela Volpicella, Aver cura della sofferenza

Franco Manti, La competenza etica nelle pratiche di cura

Maria Grazia Albano, Sull’educazione terapeutica del paziente (etp)

Giorgio Crescenza, L’ospedale come spazio di cura interculturale

 

RESPONSABILITÀ PEDAGOGICA

Franca Pinto Minerva, Cura della natura ed educazione ecologica

Rosa Gallelli, Cultura del corpo ed educazione alla differenza

Giuseppe Annacontini, Cura, dialogo, interesse. Note pedagogiche sull’obiettare nelle professioni di cura

 

IL “NEGATIVO” DELLA CURA

Pierangelo Di Vittorio, Il disagio della medicina. La funzione terapeutica tra cura e biopolitica

Alberto Patella, Burnout

Furio Semerari, Indifferenza postmoderna